RISTRUTTURARE UN BAGNO PICCOLO? Nessun problema!

Sempre più spesso ci viene richiesto di ristrutturare bagni di piccole dimensioni e sempre la cosa desta molte preoccupazioni in chi si presta a questo tipo di progetto.

In realtà bastano pochi semplici accorgimenti, alcuni dei quali veri e propri trucchi, per realizzare un rifacimento bagno che possa anche far guadagnare qualche centimetro in più, laddove centimetri davvero non ce ne sono. Vediamone insieme alcuni.

 

1 – Razionalizzare gli spazi eliminando quelli inutilizzati

Sembrerà banale, ma molti spazi vuoti normalmente presenti in un bagno non permettono di essere sfruttati, risultando di fatto uno spreco. Tra il bidet e il vaso, quando questi sono affiancati, sono sufficienti 18-19cm, così come tra parete e vaso. Distanze superiori si possono valutare soltanto in bagni con metrature più generose e comunque non darebbero vantaggi in termini di utilizzo. Stessa cosa dicesi per il lavabo/mobile bagno: è preferibile scegliere mobili con pianta squadrata almeno da un lato, in modo da poterli ACCOSTARE alla parete, lasciando quindi più spazio libero dal lato opposto. Se necessario è possibile optare per mobili a profondità ridotta.

 

2 – Corretto posizionamento della doccia

Nel rifacimento di un bagno piccolo, il corretto posizionamento della doccia è essenziale al fine di preservare spazio utile per gli altri sanitari e per il mobile. Solitamente i bagni di piccoli dimensioni hanno il lato corto che non supera i 130-150cm, è consigliabile quindi posizionare la doccia in fondo al bagno, all’interno della nicchia che si crea tra le due pareti lunghe. In questo modo si otterrà una doccia comunque molto ampia, utilizzando tutta la larghezza disponibile nel bagno. Nel caso il bagno fosse finestrato e la finestra cadesse dentro la doccia nessun problema: sarà sufficiente sostituire la finestra con una nuova in alluminio  o PVC (resistenti all’acqua) con il vetro satinato. 

 

3 – Apertura della porta

Purtroppo, nonostante le piccole dimensioni, molti bagni da ristrutturare presentano la porta di accesso con apertura a battente verso l’interno, situazione che limita ulteriormente lo spazio utile per la disposizione dei vari elementi. La soluzione ottimale al problema rimane quella di sostituire la porta esistente con una nuova scorrevole, sia essa interno o esterno muro. Purtroppo però non è sempre possibile sostituire la porta, vuoi per mancanza di spazio per l’installazione del controtelaio a scomparsa, vuoi per mancanza di budget: nessun problema! Valutati gli spazi esterni al bagno, è possibile smontare la porta esistente e ri-montarla con l’apertura rivolta verso l’esterno!

 

4 – Studio degli arredi e delle finiture

Ogni rifacimento bagno, si conclude con l’installazione dei nuovi mobili. Scegliere mobili a profondità ridotta che poggino a terra (in modo da guadagnare i terzo cestone), magari con un lavabo in appoggio che sbordi dalla sagoma soltanto per pochi centimetri, sfruttare lo spazio sopra il bidet e il vaso per installare dei pensili aggiuntivi ed utilizzare specchiere ampie e magari ben illuminate, aiuta a massimizzare gli spazi contenitivi pur non sacrificando la superficie calpestabile. Nella ristrutturazione di un bagno piccolo, sono

sempre da preferire colorazioni neutre e molto chiare, sia per i mobili che per i rivestimenti, meglio ancora se in finitura opaca.

 

IN FINE …ma il più importante

è il consiglio di rivolgersi a ditte specializzate nelle ristrutturazioni chiavi in mano, in modo da evitare di incappare in errori di valutazione che, a catena, potrebbero minare la buona riuscita della ristrutturazione. Lo spazio a disposizione è poco e quello da sprecare per errori di misura è ancora meno!

Lo staff ARMONIE è sempre pronto a guidarti nella ristrutturazione di un bagno chiavi in mano, centinaia di cantieri chiusi con successo in 14 anni di attività sono garanzia della nostra preparazione! Non esitare a contattarci!